A testa alta

  • Autore: ---
  • Data Inizio: 30.09.2022
  • Data Fine: 30.12.2022
  • Dove: Camera dei Deputati - Palazzo Montecitorio
  • Indirizzo: Piazza di Monte Citorio
  • Orari: 10-14
  • Ingresso: Montecitorio a porte aperte domenica 2 ottobre, 6 novembre, 4 dicembre
  • Tel. / Mob.: 0667601
  • Descrizione Evento:

     

    A 30 anni dalle stragi in cui hanno perso la vita Giovanni Falcone e Paolo Borsellino e a 40 anni dagli assassinii di Pio La Torre e di Carlo Alberto dalla Chiesa la Camera dei deputati propone un percorso fotografico dedicato a questi uomini delle Istituzioni, agli agenti e ai congiunti che con loro hanno testimoniato “A testa alta”, a costo delle loro stesse vite, il valore della legalità democratica, sancito dalla Costituzione.

    22 fotografie collocate nei corridoi di rappresentanza di Palazzo Montecitorio testimoniano l’esempio e l’eredità morale dei protagonisti della mostra come parte integrante dell’Istituzione parlamentare e dell’attività quotidiana dei suoi organi. Le immagini selezionate intendono restituire l’intrecciarsi delle storie umane e professionali dei protagonisti nel segno della comune battaglia contro la mafia. Due immagini simboliche, particolarmente evocative per i giovani, chiudono la mostra: le “navi della legalità” per dire con Borsellino che “Se la gioventù le negherà il consenso, anche l’onnipotente e misteriosa mafia svanirà come un incubo” e, infine, un campo di grano in un terreno confiscato alla mafia, per ricordare il messaggio ideale di Falcone alle future generazioni, secondo cui  “La mafia non è affatto invincibile. È un fatto umano e come tutti i fatti umani ha un inizio e avrà anche una fine”.

    La mostra sarà accessibile agli alunni delle scuole che si recheranno in visita alla Camera e ai cittadini in occasione delle prossime edizioni di Montecitorio a porte aperte, previste per le domeniche 2 ottobre6 novembre e 4 dicembre 2022, dalle 10 alle 14.

    La mostra è realizzata in collaborazione con lo Stato Maggiore della Difesa, Ansa, Arma dei Carabinieri, Fondazione Falcone, Centro studi Pio La Torre, Libera Terra, Biblioteca centrale della Regione siciliana e con Franco Zecchin.