Matteo Casilli. Finding Rèa

dal 19.09.2022 al 25.09.2022

Necci dal 1924

  • Autore: Matteo Casilli
  • Curatore: Massimo Innocenti, Agathe Jaubourg
  • Data Inizio: 19.09.2022
  • Data Fine: 25.09.2022
  • Dove: Necci dal 1924
  • Indirizzo: Via Fanfulla da Lodi, 68
  • Orari: martedì - venerdì 17-21, sabato e domenica 12-21
  • Ingresso: libero
  • Tel. / Mob.: 333 793 3760
  • E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • Descrizione Evento:

     

    “Finding Rèa” è una mostra fotografica di Matteo Casilli che raccoglie gli scatti sul work in progress del nuovo murale di Marco Rèa al Pigneto, intitolato "Tu sei come una pietra preziosa". 
    Il murale, commissionato da Necci dal 1924 in occasione del centenario della nascita di Pier Paolo Pasolini, sarà inaugurato in Via Braccio da Montone lo stesso giorno dell’Opening della mostra, lunedì 19 settembre, dalle ore 18.

    L’opera di Marco Rèa, realizzata sulla facciata laterale di un palazzo, è ispirata proprio dalle parole che Pier Paolo Pasolini ha dedicato alla donna ritratta, Maria Callas, una figura femminile molto legata alla vita e alle opere del grande intellettuale. 
    La mostra fotografica “Finding Rèa”, curata da Massimo Innocenti e Agathe Jaubourg, raccoglie le foto scattate da Matteo Casilli durante la creazione del murale, cominciando dal lavoro propedeutico in studio fino alla sua realizzazione sulla parete. Lo stile di Matteo Casilli è incentrato sui ritratti e sulla forte suggestione che questi possono suscitare; la sua opera è una continua ricerca che oscilla tra l’enigma e l’esaltazione della psicologia umana, che tanto lo affascina. Il suo è uno sguardo delicato, mai invadente e i soggetti scelti sono pensosi e sognanti, soggetti che sembrano celare qualche impercettibile segreto. 
    Tutta la mostra-evento coinvolge più linguaggi, dalla street art alla fotografia, assolute protagoniste, fino alla storia e all’archeologia urbana che giocano un ruolo importante a cominciare dalle location scelte. La grande parete dove è stato realizzato il murale di Rèa si affaccia su un ex carrozzeria abbandonata da tempo e oggi in via di ristrutturazione (ospiterà un panificio). La mostra fotografica è stata invece allestita nell’ipogeo romano del I° secolo a.C. - successivamente utilizzato come stalla nel Medioevo, come cantina di vini nell’800 e come rifugio antiaereo durante la Seconda Guerra Mondiale -, scoperto e riportato alla luce nel 2020 sotto ai locali del bar ristorante Necci. 
    Finding Rèa è una mostra che oscilla tra passato, presente e futuro: sopra le nostre teste con il murale di Rèa e 10 metri sotto i nostri piedi con la mostra fotografica di Matteo Casilli. 
    La mostra – totalmente a ingresso gratuito e inserita nel programma Fuori Festival della sesta edizione di “Pigneto Film Festival” - è stata pensata per far vivere l’arte in un quartiere straordinario come il Pigneto, famoso per le numerose opere di street art e in grande crescita culturale. Non solo, come molti pensano, un luogo di svago. 

    I curatori 
    Massimo Innocenti e Agathe Jaubourg sono i curatori di questa mostra-evento che si terrà tra il 19 e il 25 settembre. Nel 2013 curarono la mostra-evento “Pasolini Pigneto”, commissionata da Necci dal 1924, che portò in via Fanfulla da Lodi i murales di Omino71, Mr Klevra e Maupal, ispirati dal poeta e regista. Murales che ancora oggi attraggano molti visitatori. Più recentemente hanno curato la mostra fotografica “Andava tutto bene” sui pannelli divisori anticontagio (2020) e la mostra “Cosplay” di Filippo Troiano (2021) allestita all’interno dell’Ipogeo Romano sotto il Bar Necci. 

    BIO MATTEO CASILLI 
    Matteo Casilli nasce a Roma nel 1983. Dopo aver conseguito la Laurea in Lettere e Filosofia, si diploma nel 2009 presso la "Scuola Romana di Fotografia". Tra le sue maggiori collaborazioni fotografiche spiccano quelle con Oliviero Toscani, nella realizzazione del libro "Firenze Santo Spirito", e con Terry Richardson nel suo periodo newyorkese. 
    Matteo ha esposto in numerose mostre collettive, nazionali e internazionali. 
    Ha inoltre pubblicato nel 2016 il libro "MUSICIAN" dove ha raccontato con una serie di ritratti in bianco e nero la nuova generazione di musicisti emergenti. Il 1 Dicembre 2019 è uscito il suo ultimo lavoro "ROMA, PIGNETO" edito da Giulio Perrone Editore. 
    Attualmente lavora come fotografo di scena per il cinema. 

    BIO MARCO RÈA 
    Marco Rèa nasce nel Novembre del '75 a Roma, città dove attualmente vive e lavora. 
    Ha condotto studi artistici dapprima al liceo, poi studiando fumetto e infine laureandosi in storia dell’arte contemporanea. Per anni ha lavorato a stretto contatto con la scena dello writing romano e dei graffiti. 
    Ha esposto in numerose gallerie in Europa, Stati Uniti, Giappone e collaborato con personalità di fama mondiale come Nick Knight, Kate Moss, Cloe Sevigny. 
    Ospite in più di un'occasione presso l'Università della Sapienza di Roma e Licei artistici italiani, ha inoltre tenuto laboratori di illustrazione e Street art in scuole medie e centri di aggregazione giovanile. 
    Dal 2005 al 2019 ha portato avanti la sua ricerca artistica definita dall'artista "De Brand" (intervento pittorico sopra manifesti pubblicitari), mentre dal 2020 ha sviluppato un percorso legato alla Street art e agli stencil denominato "Grovigli" o line art. 
    Protagonista indiscussa della sua ricerca rimane la donna, con i suoi lati più intimi, emozionali e psicologici. 
    Ha eseguito lavori per Disney/Marvel, Fendi, Mondadori Electa, Universal pictures, Show Studio, Conde Nast (Vogue magazine, Tatler magazine), Liberty UK, Lampoon magazine.