Vivere la fotografia a Roma

Stefano Sabene. Confessioni

  • Autore: Stefano Sabene
  • Data Inizio: 01.11.2018
  • Data Fine: 06.01.2019
  • Dove: Ospitale Santa Francesca Romana
  • Indirizzo: Vicolo di Santa Maria in Cappella, 6
  • Orari: tutti i giorni 09.00-18.00
  • Ingresso: libero
  • Tel. / Mob.: 065803737
  • Descrizione Evento:

     

     

    A Roma dal 1° Novembre la mostra del fotografo - musicista Stefano Sabene


    La mostra fotografica Confessioni, di Stefano Sabene, si terrà nel Museo Ospitale di S. Francesca Romana, Via Pietro Peretti 6, a Trastevere, dal 1° Novembre 2018 al 6 Gennaio 2019 tutti i giorni, orario d’apertura 9:00 - 18:00,


    L’artista terrà lungo il periodo di programmazione della mostra alcune live performances, presentando musiche dal vivo su strumenti in uso dalla Roma imperiale al primo ‘600. Le sonorità arcaiche, mistiche, altamente evocative, accompagneranno le immagini, contribuendo a situarle fuori dal tempo. Un'esperienza multisensoriale, che coinvolge la vista (mostra fotografica), l'udito (musica dal vivo), l'olfatto (diverse essenze e incensi), insieme agli spunti meditativi offerti dai testi.

    «Unica regola richiesta al pubblico durante le performances» spiega l’artista «è il silenzio, entità sempre più rara nelle nostre convulse giornate. Più che un’ipotesi artistica, questo progetto è rappresentazione della relazione io-Tu. Ho realizzato strada facendo che quanto tentavo di esprimere con queste immagini non era al di fuori, ma dentro di me».


    L’allestimento curato da Maurizio Vinciguerra invita a elevare lo sguardo, non solo metaforicamente, per la particolare disposizione delle immagini nella suggestiva chiesa, risalente al sec. XI. Proprio in questo sito iniziò l’opera caritatevole S. Francesca Romana. 


    Il biglietto d’ingresso al Museo Ospitale S. Francesca Romana, di € 6, include la visita della mostra, del museo, le performances, ed è interamente a sostegno dell’opera di ospitalità svolta dall’omonima Fondazione a favore dei numerosi anziani indigenti presenti nella struttura.