Vivere la fotografia a Roma

Giovedì, 18 Luglio 2019 14:38

Maria Cristina Valeri. Anemos, narrazioni simboliche

Written by
Vota questo articolo
(0 Voti)

dal 23.07.2019 al 28.07.2019

Isola della Fotografia

  • Autore: Maria Cristina Valeri
  • Curatore: Roma Fotografia
  • Data Inizio: 23.07.2019
  • Data Fine: 28.07.2019
  • Dove: Isola della Fotografia - Isola del Cinema
  • Indirizzo: Isola Tiberina
  • Orari: 19.00-00.00
  • Ingresso: libero
  • E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • Descrizione Evento:

     

     

     

     

    Ànemos è una parola del greco antico che significa “aria, vento” ed allude simbolicamente al “soffio vitale” che Dio imprime all’uomo, conferendogli quel principio di coscienza in virtù del quale ogni essere umano vive ed agisce. Ho voluto simboleggiare, nell’individuazione di quattro elementi (natura, tempo, arte e sacralità) , ciò che da sempre ha percorso, (da qui anche il
    concetto di vento) la storia delle città. La narrazione è immaginifica e dunque simbolica.

    I corpi che si muovono e danzano sono di volta in volta elementi che s’inseriscono come completamento della quaternità. Così, nella foto che simboleggerà la mostra, il Bosco (la natura) Sacro (già tale
    all’epoca dei romani) s’incontrano l’arte ed il tempo che danno vita alla scintilla che tutto crea.
    Luoghi apparentemente vuoti si materializzano nel “soffio vitale” di una loro realtà viva che si fa corpo visibile. Un gioco di fantasia dunque, in cui ho cercato di restituire in modo simbolico ed
    onirico, una città nota in tutto il mondo, eppure capace “di velarsi e svelarsi in un continuo rimando tra il lasciarsi guardare ed avvolgere con il proprio sguardo”.

    Il percorso fotografico, commissionato dalla famiglia Monini, è dedicato alla città di Spoleto, ma nella percezione artistica dell’autrice potrebbe riferirsi a qualunque città storica d’Italia .
    La mostra è stata esposta negli splendidi spazi di Casa Menotti per sei mesi ed inserita nella programmazione del Festival dei Due Mondi nel 2016

     

     

Read 70 times Ultima modifica il Martedì, 30 Luglio 2019 13:47