Vivere la fotografia a Roma

Lunedì, 08 Aprile 2019 21:23

Sarah Howe, Tom Lovelace. Present Tense

Written by
Vota questo articolo
(0 Voti)

dal 18.04.2019 al 01.06.2019

Matèria

  • Autore: Sarah Howe, Tom Lovelace
  • Curatore: Niccolò Fano
  • Data Inizio: 18.04.2019
  • Data Fine: 01.06.2019
  • Dove: Matèria
  • Indirizzo: Via Tiburtina, 149
  • Orari: martedì - sabato 11.00-19.00
  • Ingresso: libero
  • E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • Descrizione Evento:

     

     

     

     

    Da giovedì 18 aprile 2019, in occasione del quarto anniversario dall’apertura della galleria, Matèria presenta per la prima volta in Italia una doppia personale di Tom Lovelace e Sarah Howe, dal titolo Present Tense. La doppia personale di Tom Lovelace e Sarah Howe rappresenta un ritorno alle origini per Niccolò Fano, direttore della galleria, riallacciando un legame formale con il Regno Unito e con un gruppo di artisti di cui ha seguito il percorso durante i suoi sette anni oltremanica.

    Tom Lovelace e Sarah Howe presentano due progetti site specific: installazioni che riflettono sulla stratificazione di media, di materiali di utilizzo quotidiano e della tecnologia nella vita di tutti i giorni.

    Per Lovelace, questo approccio multidisciplinare viene utilizzato per esplorare le collisioni in cui il reale, l'immaginato e il formato si scontrano. L’installazione, studiata per la prima sala della galleria, presenta un gruppo di sculture realizzate dall’artista, frutto del tentativo di restituire agli oggetti una perfetta conformazione circolare attraverso materiali tratti dalla quotidianità. A completare l’installazione, Lovelace presenta una serie di immagini fotografiche e un collage, la cui funzione si rivela attraverso l’interazione fisica del fruitore con l'opera. L’installazione di Lovelace infatti, sarà attivata dalla performance dell’artista Typhaine Delaup durante l’opening della mostra.

    Nell’installazione di Sarah Howe, presentata nella seconda sala, lo spazio della galleria viene spezzato da un’opera sospesa di grandi dimensioni, favorendo la visione di un passato immaginario e di un presente sospeso e futuro. L'intersezione tra immagine ferma, mobile e riflessa rivela le rotture nella percezione del tempo, in una continua indagine sulla precarietà del sé. Il cerchio e il suo valore simbolico viene ripreso da Howe in un dialogo tra proiezione video e fotografia. Tagli, scorci e immagini riflesse rendono lo spazio instabile, ospitando contemporaneamente una molteplicità di punti di vista, frammentando e amplificando la percezione del tempo.

    « Present Tense apre un nuovo ciclo volto a rafforzare l’identità della galleria e gli aspetti che ne hanno caratterizzato la crescita nel corso di questi quattro anni. – afferma Niccolò Fano – Per questo nuovo corso, ci prepariamo a rafforzare l’accento sulla progettualità e sulla sperimentazione ».

    « Progettare un nuovo ciclo – continua – ci permette inoltre di mettere a fuoco le tematiche culturali e artistiche che caratterizzano la galleria. Present Tense apre al tema del rapporto universale dell’individuo con i media e la tecnologia; fungendo da apripista per un programma maggiormente attento alle intersezioni tra ricerca artistica e contemporaneità ».

Read 148 times Ultima modifica il Sabato, 01 Giugno 2019 21:17