Vivere la fotografia a Roma

Lunedì, 08 Aprile 2019 07:23

Albena Nikolova. In attesa che qualcosa si muova

Written by
Vota questo articolo
(0 Voti)

dal 14.04.2019 al 17.05.2019

Serra Madre

  • Autore: Albena Nikolova
  • Data Inizio: 14.04.2019
  • Data Fine: 17.05.2019
  • Dove: Serra Madre
  • Indirizzo: Via Macchia di Palocco, 320
  • Orari: tutti i giorni 9.30-19.30
  • Ingresso: libero
  • Tel. / Mob.: 06 521 0000
  • E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • Descrizione Evento:

     

     

     

     

    Albena Nikolova
    "In attesa che qualcosa si smuova" a cura di Joshua De Loa

    Opening
    14 April 2019, 12-19pm

    Exhibition
    14.4.-17.5.2019

    Sala Conferenze, Serra Madre, Via Macchia di Palocco, 320 - Ostia Antica 00122, Roma.
    ___________________________________________________________________

    In attesa che qualcosa si smuova è il titolo della personale della visual artist bulgara Albena Nikolova.
    Dieci sono le opere che compongono la mostra. Dieci sono gli anni in cui l’artista ha sperimentato per maturarle. Un percorso vissuto tra prove e ripensamenti, tra conferme e smentite, tra attrazione e distacco.

    Le opere sembrano apparentemente sconnesse l’una dall’altra. Ma i soggetti, i luoghi, la tecnica esecutiva o le inquadrature, sono in relazione e in dialogo fra loro. Nikolova inserisce nei suoi lavori quel sottile e delicato equilibrio tra moto e sospensione, inerzia e vivacità.

    In attesa che qualcosa si smuova indica quell’istante in cui si fantastica sulla infondata certezza che tutto possa avvenire o che, semplicemente, possa non accadere nulla.
    La scelta del bianco e nero fa decantare illusioni e auspici. Gli scatti urbani come Londra (2015) e Un pomeriggio di luglio (2018) descrivono quel movimento meccanico inteso come unicum. L’imprevedibilità e la libra umana vengono catturate da Milano (2017) e da Roma (2017), con il capovolgimento dei ruoli e degli atteggiamenti, e da Bulgaria (2018) e da Nighthawk (2018), dove si consuma l’antico fenomeno del vedere.

    Volente o nolente, Nikolova si vede costantemente a fare i conti con il passato universale e senza tempo, come Museo Centrale Montemartini (2015), Via Appia Antica (2016) e Sale (2016) e, sopratutto, con il suo precedente lavoro Elì Elì lemà sabactàni (2009). Con questo grido del Cristo sulla croce si accorda silenziosamente l’intera mostra.

    ___________________________________________________________________

    Albena Nikolova, nasce il 1986 in Veliko Tărnovo, Bulgaria, e vive e lavora a Roma, Italia.
    Inizia il suo percorso artistico presso la facoltà di Belle Arti dell’Università di Veliko Tărnovo in Arti Visive, specializzandosi in pittura. Completa la sua formazione con la laurea magistrale in Design, Comunicazione Visiva e Multimediale Grafico presso l’Università di Roma “La Sapienza”.
    Ha partecipato a diverse mostre personali come “Foollyk”, Expolive project, Roma (IT), 2014; “Once you label me you negate me”, MKC Pri Rdeci Ostrigi, Škofja Loka (SL), 2014; “Autobiografsko”, Sokolski dom, Škofja Loka (SL), 2014 e “Albena Nikolova”, piazza Cavour, Roma, (IT), 2013; ed a diverse collettive tra cui “Na favola”, Stamperia del Tevere, Roma (IT) 2016.

Read 154 times Ultima modifica il Sabato, 18 Maggio 2019 10:21