Vivere la fotografia a Roma

Sabato, 30 Marzo 2019 20:40

Futura Tittaferrante. Non so perché lo faccio questo è un momento perfetto

Written by
Vota questo articolo
(0 Voti)

dal 22.03.2019 al 18.04.2019

a.gogo’ Communication Agency

  • Autore: Futura Tittaferrante
  • Data Inizio: 22.03.2019
  • Data Fine: 18.04.2019
  • Dove: a.gogo’ Communication Agency
  • Indirizzo: Via Fra Mauro, 14b
  • Orari: lunedì - venerdì 10.00-19.00
  • Ingresso: libero
  • Tel. / Mob.: 347 078 1082
  • Descrizione Evento:

     

     

     

    Ero tra resti di stampe e strappi delle stesse, ero tra corpi e pezzi di corpi, forme più che corpi, mani nere di materia e polvere.
    C’era odore di caffè ammuffito e muschio, sbucava la terra dal pavimento e quel che era in legno si sgretolava come corteccia.
    Era un orizzonte definito e chiaramente percorribile con le dita. Volumi più che forme.
    Un pavimento sconnesso e faticoso, morbido e ghiacciato.
    Le foglie si sgretolavano negli intarsi.
    Didascalicamente avevo preso a camminare in montagna e avevo ammucchiato le zavorre in uno studio accatastato come bene commerciale, assecondavo il corpo e quindi le mani.
    Se i piedi erano in balia della salita, le mani sperimentavano impressionando e imprimendo, lavando e strizzando.
    Un’imbambolamento sculturale sulla luce la materia e su ciò che rimane.
    è tangibile la bellezza?
    a me indica ciò che manca, in quelle stanze di noi stessi in cui siamo soli.

    Futura Tittaferrante si affaccia alla fotografia con una formazione tecnica che acquisisce grazie al padre, raffinandosi grazie all’affiancamento di fotografi di scena come Tommaso Le Pera e Marco Caselli Nirmal. Precedentemente inizia il suo percorso come scenografa per il teatro ed il cinema passando in un secondo momento alla fotografia, da qui il suo legame con il teatro e la ricostruzione di mondi densi di atmosfere lontane.
    Promotrice d’iniziative tese a valorizzare l’utilizzo della fotografia e del video, ha esposto sue mostre personali tra Bologna, Roma, Parigi e Malta e ha fondato e avviato progetti performativi all’interno della sua precedente casa nel centro storico di Bologna, una casa trasformata in galleria: l’ancora attiva, sotto nuova gestione, Maison Ventidue.
    Oggi vive a Roma mantenendo attive collaborazioni come quella con l’Istituto Cinecittà Luce, l’agenzia pubblicitaria TBWA e il Teatro di Roma assieme all’attivita’ di formazione fotografica giovanile per varie fondazioni tra Italia e Malta, tra cui il centro culturale Fondazzjoni Kreattività di Malta.

Read 39 times Ultima modifica il Lunedì, 22 Aprile 2019 21:36